28 November 2020

Incentivo IO Lavoro, i criteri di priorità per le istanze di richiesta


Al fine di agevolare l’invio delle istanze di richiesta dell’incentivo IO Lavoro, anche per le richieste trasmesse nel periodo tra il 7 novembre 2020 e il 16 novembre 2020, ossia nel periodo dall’11° al 20° giorno successivo al rilascio del modulo telematico, si darà priorità nell’elaborazione alle assunzioni e alle trasformazioni a tempo indeterminato effettuate tra il 1° gennaio 2020 e il il 26 ottobre 2020. Rimane invece fermo che le istanze relative alle assunzioni/trasformazioni effettuate a decorrere dal 27 ottobre 2020, saranno elaborate secondo l’ordine cronologico di presentazione dell’istanza (Inps, messaggio 10 novembre 2020, n. 4191)


Come noto, l’incentivo IO Lavoro è rivolto all’assunzione in Regioni “meno sviluppate”, “in transizione” o “più sviluppate”, di persone disoccupate (art. 19, D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 150), ossia di soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il Centro per l’impiego. Altresì, il lavoratore che, al momento dell’assunzione/trasformazione incentivata, abbia già compiuto 25 anni di età, oltre ad essere disoccupato nel senso anzidetto, deve risultare privo di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, secondo la definizione di “lavoratore svantaggiato” (art. 1, co. 1, lett. a), D.M. 17 ottobre 2017), per cui il medesimo, nei 6 mesi precedenti la data dell’evento agevolato, non deve aver prestato attività lavorativa riconducibile ad un rapporto di lavoro subordinato della durata di almeno 6 mesi ovvero aver svolto attività di lavoro autonomo o parasubordinato dalla quale sia derivato un reddito corrispondente a un’imposta lorda superiore alla misura delle detrazioni da lavoro o da impresa minore spettanti (art. 13, D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917).
Orbene, a seguito dell’invio delle istanze relative alla agevolazione in parola, è emersa la necessità di sospendere la verifica del requisito riguardante lo stato di privo di impiego, al fine di permettere all’ANPAL il consolidamento degli aggiornamenti procedurali per effettuare tale verifica. Pertanto, alcune istanze sono state contraddistinte da un esito provvisorio di “KO-Non accolta”, che potranno essere nuovamente inviate, secondo le indicazioni che verranno comunicate direttamente ai soggetti che le hanno inserite.
A tal proposito, nell’elaborazione cumulativa delle istanze, che verrà effettuata non appena saranno terminate le attività di aggiornamento da parte dell’ANPAL, le suddette istanze verranno elaborate garantendo e assicurando i criteri già esplicitati dall’Inps (circolare n. 124/2020).
Pertanto, per le richieste pervenute entro il 6 novembre 2020 (decimo giorno successivo al rilascio del modulo telematico di richiesta dell’incentivo), si darà priorità nell’elaborazione alle assunzioni e alle trasformazioni a tempo indeterminato effettuate tra il 1° gennaio 2020 e il 26 ottobre 2020 (giorno precedente il rilascio del modulo telematico). Diversamente, le istanze relative alle assunzioni/trasformazioni effettuate a decorrere dal 27 ottobre 2020 (giorno di rilascio del modulo telematico), ed entro il 6 novembre 2020, saranno elaborate secondo il criterio generale, rappresentato dall’ordine cronologico di presentazione dell’istanza.
Tuttavia, sempre al fine di agevolare l’invio delle istanze, anche per le richieste trasmesse nel periodo tra il 7 novembre 2020 e il 16 novembre 2020 (ossia nel periodo dall’11° al 20° giorno successivo al rilascio del modulo telematico), si darà priorità nell’elaborazione alle assunzioni e alle trasformazioni a tempo indeterminato effettuate tra il 1° gennaio 2020 e il il 26 ottobre 2020. Diversamente, le istanze relative alle assunzioni/trasformazioni effettuate a decorrere dal 27 ottobre 2020 ed entro il 16 novembre 2020, saranno elaborate secondo l’ordine cronologico di presentazione dell’istanza.
In tutte le ipotesi in cui è accolta l’istanza di prenotazione trasmessa, il datore di lavoro, entro 10 giorni di calendario, ha l’onere di comunicare, a pena di decadenza, l’avvenuta assunzione, chiedendo la conferma della prenotazione effettuata a suo favore. L’inosservanza del termine determina l’inefficacia della precedente prenotazione delle somme, ferma restando la possibilità per il datore di lavoro di presentare successivamente un’altra richiesta.