24 January 2021

INL: conversione permesso di soggiorno temporaneo in permesso di lavoro


Si forniscono indicazioni sulla conversione del permesso di soggiorno temporaneo in permesso di soggiorno per motivi di lavoro, con particolare riferimento all’attestazione rilasciata dall’ITL in relazione al luogo di svolgimento della prestazione lavorativa.


I cittadini stranieri, con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019, non rinnovato o convertito in altro titolo di soggiorno, possono richiedere con le modalità di cui al comma 16, un permesso di soggiorno temporaneo, valido solo nel territorio nazionale, della durata di mesi sei dalla presentazione dell’istanza. Gli stessi cittadini devono risultare presenti sul territorio nazionale alla data dell’8.3.2020, senza che se ne siano allontanati dalla medesima data, e devono aver svolto attività di lavoro, nei settori interessati dalla procedura di regolarizzazione, prima del 31.10.2019. Laddove nel termine della durata del permesso di soggiorno temporaneo, il cittadino straniero esibisce un contratto di lavoro subordinato ovvero la documentazione retributiva e previdenziale comprovante lo svolgimento dell’attività lavorativa in conformità alle previsioni di legge, il permesso viene convertito in permesso di soggiorno per motivi di lavoro (art. 103, co. 2, DL 34/2020).
Ciò premesso, alla richiesta di conversione del titolo di soggiorno sia allegata, a cura dello straniero, deve essere allegata l’attestazione rilasciata dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro competente in relazione al luogo di svolgimento della prestazione lavorativa. Nello specifico, il cittadino straniero non comunitario deve depositare istanza di conversione al Questore, esclusivamente per il tramite degli ufficisportello delle Poste Italiane, esibendo un contratto di lavoro subordinato ovvero documentazione retributiva e previdenziale comprovante lo svolgimento dell’attività lavorativa nell’ambito dei settori di attività previsti. Detta richiesta deve essere inviata via mail dallo straniero all’Ispettorato territoriale del lavoro competente per luogo di svolgimento della prestazione lavorativa. Gli indirizzi mail istituzionali ai quali inviare la richiesta sono disponibili sul sito web dell’INL: https://www.ispettorato.gov.it/it-it/il-ministero/Uffici-periferici-e-territoriali. All’istanza occorre allegare copia del permesso di soggiorno temporaneo rilasciato dalla Questura; in alternativa, laddove quest’ultimo non sia stato ancora rilasciato, la copia della ricevuta di presentazione della richiesta di rilascio del permesso di soggiorno rilasciata dagli Uffici Postali, contenente la dicitura “EMERS.2020”, nonché il contratto di lavoro subordinato (o copia della comunicazione UNILAV/Unimare) ovvero documentazione retributiva e previdenziale (es. prospetti paga, estratto conto contributivo, attestazione pagamento contributi lavoro domestico).