24 January 2021

Terziario Esteso (Anpit-Cisal): misure di sicurezza covid-19

Siglato il 10/8/2020, presso la Commissione Bilaterale ENBIC, l’accordo interfederale di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Virus Covid-19 nelle Aziende del Terziario Esteso.

La Commissione Bilaterale Nazionale di Garanzia, Interpretazione, Certificazione e Conciliazione dell’En.Bi.C., tenuto conto dell’evoluzione della pandemia da “Covid-19” e, conseguentemente, della normativa vigente per il contrasto dei relativi effetti nei luoghi di lavoro che, nel tempo, ha permesso una progressiva apertura delle attività prima precluse e maggiore mobilità territoriale e delibera la seguente Interpretazione Integrativa.


La disposizione del punto C., art. 5 dell’Accordo Interfederale del 27/4/2020, che prevede che “l’ingresso in azienda di soggetti già risultati positivi all’infezione da Covid-19 dovrà avvenire solo dopo l’evidenza di “negativizzazione” del tampone rilasciata dal Dipartimento di prevenzione territoriale di competenza”, dev’essere estesa anche al caso di lavoratori che non abbiano evidenza di infezione ma siano stati a contatto “ravvicinato” (sociale, familiare o amicale)’ con persone infette.
Pertanto, il nuovo punto C., art. 5 dell’Accordo Interfederale del 27/4/2020, integrato come sopra, sarà il seguente:
Art. 5 – punto C.: E’ precluso l’ingresso in azienda ai lavoratori già risultati positivi all’infezione da Covid-19 o che siano stati a contatto con persone, in ambito sociale, amicale o familiare, risultate positive all’infezione. In tali casi, l’ingresso dovrà avvenire soltanto dopo l’evidenza di “negativizzazione” del tampone, rilasciata dal Dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.
La presente Interpretazione Integrativa, essendo conforme alla normativa vigente e ai principi generali di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ha immediata validità applicativa.
Le Parti aziendali dovranno quindi adeguare la disciplina e disposizioni di lavoro alla presente Interpretazione, sempre in conformità ai Protocolli Aziendali vigenti, sottoscritti con il RSPP (interno o esterno), l’eventuale R.S.A. e il R.L.S. e, fermo restando l’obbligo di adeguamento ad eventuali nuove disposizioni legali in materia.